giro in barca a napoli

Meraviglioso giro in barca a Napoli tra le coste campane

  • guido 7 dicembre, 2017
  • Home

Alla scoperta del Golfo di Napoli

Molto spesso sentiamo turisti o amici raccontarci estasiati del loro giro in barca a Napoli. La nostra immaginazione corre subito alla Costiera Amalfitana e ai suoi angoli romantici, sbagliando in parte. Perché sebbene Amalfi e Vietri non siano lontane, il Golfo di Napoli stesso può vantarsi di ospitare puri gioielli culturali e naturali.
Scopriamo quindi insieme i luoghi migliori da vedere se decidiamo di noleggiare una barca a Napoli.

Usciamo dal porto di Napoli, diamo uno sguardo veloce alle coste di Sorrento ad est, oggi non saranno la nostra meta. Al centro dei nostri pensieri infatti ci sarà la parte Ovest del Golfo Napoletano, con i suoi piccoli paesini e le sue coste a picco sul mare. Tutti a bordo della nostra barca, prima tappa del nostro giro: Posillipo.

Posillipo, il verde di Napoli

“La tregua che fa passare il dolore”, questo è il significato del nome originario di questo piccolo paese del napoletano. Una volta arrivati è facile capirne il motivo: fermate la vostra imbarcazione e dedicate del tempo a contemplare questa vista rigenerante. In seguito, vi consigliamo di dirigervi nella zona più naturale di Posillipo: Marechiare e il Parco Virgiliano.
Se avete un po’ di tempo a disposizione e siete rimasti catturati dalla bellezza di questo posto, proseguite il giro fino all’Area Marina Protetta “Parco Sommerso di Gaiola”. Eretto su due isolotti di fronte a Posillipo, vi si studia la biodiversità marina che caratterizza i fondali circostanti, con scopi sia scientifici che di divulgazione. È infatti possibile visitare ed imparare moltissimo sulla fauna marina fino anche a vederla con i propri occhi.
Potete anche raggiungere la zona via mare con la vostra barca, attenzione però alle restrizioni per zone e tipi di imbarcazione!

giro in barca a napoli

Pozzuoli e Capo Miseno, terra vulcanica

Ripreso il giro, spingiamo la nostra barca oltre gli scogli di Levante e Ponente, ai lati dello splendido promontorio di Nisida. Immediatamente ci ritroviamo nel Golfo di Pozzuoli, ultimo tratto di mare appartenente al più grande Golfo di Napoli, più avanti è territorio di Gaeta.
Pozzuoli si trova in un territorio affascinante, in cui si combinano i numerosi resti archeologici romani con l’area vulcanica dei campi Flegrei. I fenomeni geologici riscontrati in questa zona sono presenti in pochissimi altri posti al mondo.
Una volta fatto il pieno di queste meraviglie dell’entroterra, è ora di tornare a solcare le onde verso Capo Miseno. Da qui potrete godere del panorama più completo ed emozionante su tutto il Golfo Napoletano. Potete ammirarlo tanto dalla vostra barca quanto dallo stesso faro a guardia del capo, se decidete di approdare.

Il nostro giro ora ci porta in luoghi imperdibili; sarebbe davvero un crimine avere una barca a disposizione e non includerle nel nostro tour: Procida e Vivara.

giro in barca a Napoli

La meravigliosa Procida

Da questo momento in poi ci inoltriamo nel Regno di Nettuno:spiritualmente e legalmente. Oltre ad avventurarci tra onde e pesci, servi del Dio del Mare, stiamo anche entrando in una riserva marina con lo stesso nome. Qui la navigazione è strettamente regolamentata, per fortuna ci siamo informati diligentemente in precedenza e sappiamo dove condurre la nostra barca. Se preferite avere maggiore libertà, vi consigliamo di noleggiare una barca a vela a Napoli, dato che godono di minori restrizioni rispetto alle imbarcazioni a motore.

Procida sarà la prossima meta del nostro giro. Un porto antico, le case dai mille colori costruite secondo le necessità dettate dai secoli e la gente che ancora vive degli antichi mestieri. Procida rimarrà sempre un misterioso prodigio.

giro in barca a napoli

 

La selvaggia Vivara

Vivara invece è un piccolo isolotto verde e selvaggio, collegato a procida da un piccolo ponticello non transitabile dai veicoli. L’isola è riserva naturale, disabitata e attualmente non accessibile se non in specifici giorni dell’anno. Tuttavia, dalla vostra imbarcazione potrete osservare questo paradiso naturale incontaminato, sempre restando a debita distanza visto le limitazioni che regolano la navigazione in queste acque.

Ischia, la rocca delle mille terme.

Quest’isola ha sempre avuto una fama enorme in patria, anche se all’estero è stata spesso offuscata dall’ingombrante ombra della vicina Capri, di cui vi abbiamo già raccontato in un altro post.
Il terremoto recente l’ha colpita ma non affondata, la gente di Ischia è dura e resistente como solo gli isolani sanno essere, pronti a rispondere colpo su colpo alle avversità della vita.
Scogliere mozzafiato ed acque dai colori brillanti, la barca davvero è un valore aggiunto enorme quando si ha la possibilità di visitare autentici gioielli come questo. Se decidete di avventurarvi all’esplorazione dell’isola, vi consigliamo i porti di Casamicciola, Lacco Ameno e Forio d’Ischia, più piccoli ma molto meno trafficati del principale Porto d’Ischia.
Una volta a terra, vi ricordiamo che Ischia è famosa fin dall’antichità per le sue numerose ed antichissime terme.

giro in barca a Napoli

Il giro è stato lungo ed emozionante, e la nostra barca di Nautal.it ci ha portato fedelmente dove ci eravamo promessi. Adesso tocca tornare verso casa. Lasciamo queste severe scogliere e questi semplici paeselli, e facciamo vela verso Napoli, con gli occhi arricchiti dalle bellezze viste.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *