Manutenzione del motore delle barche

Possedendo un’imbarcazione, sicuramente seguiamo un rigoroso mantenimento del motore della nostra barca e la conosciamo alla perfezione.

Mantenimento del motore

Se decidiamo di noleggiare la nostra barca, dobbiamo utilizzare alcune misure di prevenzione degli incidenti e migliorare la qualità della crociera dei nostri clienti, risparmiando anche sulle riparazioni.


Direttamente dall’impresa di motori marini, generatori e accessori Solè Diesel, convidiamo con voi i loro consigli.

Dobbiamo adottare misure preventive, di manutenzione e controllo che sono applicabili sia alle barche a motore, sia alle barche a vela con motore entrobordo.

Pre-charter
Prima di affittare la barca,  ci sono delle piccole modifiche e aspetti da tenere in considerazione.

  • Inizieremo con il pulire a fondo il vano motore così da controllare meglio le possibile fughe o perdite.

  • Verificare i livelli dell’olio marino, olio e liquido di raffreddamento:

Dobbiamo essere sicuri che siano ai livelli giusti, con la consistenza e densità ottimale.

Una densità troppo spessa o liquida dell’olio può segnalare che qualcosa non funziona correttamente nel motore, supponendo problemi a medio termine.

  • Accendi  il motore e osserva i rumori che emette e il colore del fumo:

Potremo individuare con una semplice accensione del motore se ci sono stati incidenti  o se è stata utilizzata adeguatamente.

  • Rivedere l’allineamento dell’albero e l’imballaggio:

In questo modo possiamo avere problemi di vibrazioni o perdite d’acqua.

  • Installare un filtro di raffreddamento dell’acqua:

Non tutte le navi hanno un filtro di assorbimento dell’acqua di raffreddamento del motore.

In molti casi non si istalla convinti che la barca navighi per “acque pulite”.

Oltre a proteggerci da alghe e altri elementi marini, i filtri dell’acqua proteggono il sistema di raffreddamento del motore della nostra barca da altri elementi: sabbia o altre barche

Questi possono ostruire il circuito aperto di raffreddamento di acqua salata e di conseguenza provocare un surriscaldamento del motore.

A le istallazioni della fabbrica di motori marino Solè Diesel ci arrivano per essere riparati motori con gli oggetti più strani dentro del circuito di raffredamento.

  • Controllare lo stato dei rubinetti del fondo:

Guardare che non ci siano fughe, ruggine, ne sintomi di corrosione nei rubinetti del fondo.

Aprirli e chiuderli un paio di volte, assicurarsi che chiudano e che lascino circolare bene l’acqua una volta aperti…

Se le persone che andranno a noleggiare la barca hanno poca esperienza, la soluzione migliore è  lasciarli sempre aperti fin dall’inizio, per evitare che navighino a motore con i rubinetti del fondo chiusi.

  • Installare un allarme di alta temperatura del motore:

Un segnale acustico che ci indicherà che qualche cosa no sta funzionando correttamente.

Alcune perdide a la sentina sono inevitabili, specialmente se lo scafo è di legno.

Anche se ci  stiamo attenti e apriamo i coperchi e controlliamo, in questo caso dobbiamo istallare una pompa automatica di sentina. Esso si attiverà solo in presenza d’acqua.

  • Installazione filtro separazione del carburante:

Noi siamo molto responsabili e minuziosi nella scelta del carburante per la nostra barca, però i nostri utenti non sono attenti nello stesso modo.

Il filtro serve a separare il combustibile da altri liquidi contaminanti come l’acqua e soprattutto proteggerci da tutte le qualità di combustibili dei vari porti.

  • taglia cavi:

    può salvare lo skipper da situazioni incomode e liberare la barca con molta facilità.

Ci sono varie misure e lame, che si adattano a la lunghezza della barca e alle nostre necessità.

Se andiamo a navigare in zone abituali di pesca, o a vela, diventa praticamente indispensabile.

  • tenere una elica di rispetto a bordo:

Le eliche sono quasi dimenticate e invece tenerne una ci può liberare da situazioni molto compromesse.

Se in alta stagione si verifica un problema è probabile che ci troveremo obbligati a ritirare la barca un paio di settimane.

Un kit di tubi, termostato del motore e relè di avviamento  si convertono in grandi alleati che ci permettono di navigare ore.

È inoltre opportuno lasciare a bordo un certo numero di parti di ricambio.  Il kit basico per un veloce mantenimento del motore.

Ci sono due elementi che ci aiuteranno a risparmiare chiamate di salvataggio, che sono:

  • Installare un indicatore acustico di “basso livello” di combustibile:
  •  bidone di combustibile extra con un paio di litri che ci permettano di fare la manovra di ormeggio a motore, anche se dobbiamo raggiungere il porto a vela.

Come misura preventiva possiamo considerare di limitare le RPM agendo sul massimo della carica della pompa di iniezione..

  • installare un interrutore di punto neutro o morto per evitare che in caso di accensione ci sia la marcia inserita.

Dobbiamo fare una guida rapida e visiva dell’accensione e di ormeggio della barca e il significato delle luci e del panello degli strumenti.

La possiamo fare noi da soli molto facilmente, a partire dei fogli tecnici del nostro motore marino diesel.

Aggiungici le informazioni riguardo la posizione in cui devono stare le batterie durante l’arresto, l’ancoraggio e la navigazione a vela o a motore.

  • Seguire il mantenimento e le revisioni giornaliere:

    fornirà al cliente un senso di sicurezza, garanzia e fiducia che ci porterà un valore aggiunto. Avrai a tua disposizione una guida che passo a passo ti spiegherà come fare il mantenimento base del motore della tua barca.

Anche se sembra molto evidente, assicurati di avere una copia delle chiavi fuori dalla barca. E fornisci due copie al cliente, una per lo skipper e l’altra da lasciare all’interno della barca…nell’eventualità che la prima si perda. Qui vediamo in dettaglio l’importanza della figura dello skipper.

  • installare un allarme di bassa pressione dell’olio

Se non si dispone di un interrutore con allarme che ci indichi lo stato della pressione dell’olio del motore marino. In questo modo proteggeremo i componenti del motore ed eviteremo un male maggiore. È importante scegliere con cura l’olio col quale decideremo nutrire il cuore della nostra barca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *